Corpus Domini a Sulmona: Gesù in cammino per le strade dell’uomo



La solennità del Corpus Domini è sicuramente, per il suo significato, una delle più sentite a livello popolare, poiché richiama la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia. In tutte le diocesi questa celebrazione è accompagnata da processioni che attraversano strade, piazze e quartieri delle città: Gesù Vivo e Vero percorre le strade dell’uomo ed è acclamato con invocazioni, canti di adorazione e di lode.




A Gesù non è bastato vivere in mezzo agli uomini solo per trentatré anni. – ha detto il Vescovo all’inizio della Santa Messa da lui presieduta – Egli ha scelto di rimanere con noi tutti i giorni, per mezzo dell’Eucaristia.” Grande la partecipazione di fedeli, convenuti insieme al loro Pastore nella Basilica Cattedrale di Sulmona per un momento di preghiera e adorazione. Erano presenti anche i sacerdoti, i religiosi e le religiose delle comunità parrocchiali cittadine, i diaconi e i seminaristi, i membri delle Confraternite della Santissima Trinità e della Madonna di Loreto, il sindaco, i rappresentanti delle autorità civili e militari e i bambini che il mese scorso hanno ricevuto per la prima volta Gesù nella Santa Comunione.



Prima di spezzare il pane eucaristico, il Vescovo ha spezzato il pane della Parola, parlando cuore a cuore con i presenti. Nell’omelia, facendo riferimento alle vicende del popolo di Israele narrate nella prima lettura, ha detto: «Tante volte questo popolo è stato infedele, si è allontanato da Dio. Dio manderà i profeti a parlare in suo nome, sceglierà dei re, ma quante volte il popolo non ascolterà il Signore, si allontanerà da Lui! Ecco allora l’Eucaristia. I
l Signore stabilisce una nuova alleanza “per sempre”, come è scritto nella Lettera agli Ebrei. Gesù offrirà la sua vita “una volta e per sempre”. Non ci sarà bisogno di offrire altri sacrifici: sarà Lui, il Suo sangue versato, il Suo corpo donato, sarà quel sacrificio a sigillare questa Nuova Alleanza. […] Ci dona l’Eucaristia perché noi, nutrendoci di Gesù, accogliendolo in noi, possiamo rimanergli fedeli. Abbiamo bisogno ogni domenica, di andare da Lui, di chiedergli nuovamente perdono, di accoglierlo nel cuore, per essere fedeli a questa Nuova Alleanza che il Signore ha stipulato, quella che ogni volta, come ci ricorda il Vangelo che abbiamo ascoltato, rinnoviamo sull’altare. «Questo è il mio corpo, questo è il mio sangue offerto per la nuova ed eterna alleanza»: un patto definitivo sigillato con il sacrificio di Cristo che resterà per sempre. Noi tante volte siamo infedeli, ma il Signore resta fedele al Padre e ci fa Chiesa, corpo di Cristo. […] Preghiamo per avere una grande contemplazione di questo dono, quando Gesù passerà per le nostre strade.



È commovente vedere soprattutto i più anziani, compiere un gesto di adorazione davanti a Gesù. Dobbiamo tornare a questi piccoli gesti, che dicono che in quel pane c’è la reale presenza di Gesù, il quale viene in mezzo a noi, per dirci ancora quanto il Padre ci ami, e per rimanere con noi, “per sempre”.»




Subito dopo la celebrazione, il Vescovo ha portato per le vie della città l’Ostia consacrata, custodita all’interno di un ostensorio protetto da un baldacchino. Lungo il tragitto la gente ha mostrato la propria fede nell’Eucaristia lanciando petali e coriandoli, allestendo delle coloratissime coreografie floreali, decorando finestre e balconi con teli e coperte. Il grande corteo processionale si è snodato in maniera ordinata, tra i canti e le preghiere, lungo Corso Ovidio fino ad approdare nel piazzale antistante la chiesa di San Francesco di Paola, dove Mons. Fusco ha congedato la folla impartendo la solenne benedizione finale.

di Francesco Domenicucci


Share

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.