Celebrata a Sulmona e nelle Parrocchie la solennità del Corpus Domini



Il Corpus Domini è una solennità sentita da tutto il popolo cristiano e vissuta con grande intensità di fede. A Sulmona, il Vescovo ha presieduto al celebrazione eucaristica e la solenne processione con la partecipazione del Clero, dei Religiosi, delle Religiose, delle Aggregazioni laicali, delle Confraternite e di tantissimi fedeli.




Di seguito viene riportata una sintesi dell’omelia: “Cari amici, il nucleo essenziale del Vangelo ascoltato è racchiuso in due sole parole: pane e vita, mangiare e vivere. Dice Gesù: “Il sono il pane vivo, disceso dal cielo.



Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno”.Il Vangelo pone a noi una domanda: Che cosa ti fa vivere? Noi sappiamo che ciò che ci fa vivere sono tante cose, ma non sempre sappiamo perché viviamo. Abbiamo fame di vita, ma non sappiamo vivere.



E dove possiamo, noi cristiani, trovare il senso più pieno della nostra vita spirituale, se non nel sacramento dell’Eucaristia, sacramento nel quale Cristo si dona a noi, vita vera per la nostra vita? Quando ci accostiamo a ricevere la comunione, il sacerdote dice:”Il Corpo di Cristo” e noi rispondiamo: “Amen”, cioè: Sì, è così, sono d’accordo.



E’ un grande atto di fede nella presenza del Signore Gesù nell’ostia consacrata e riceviamo il Signore Gesù. Lui si è rivestito delle apparenze del pane, per farci capire che Lui è l’alimento, il principio interiore, rinnovatore della nostra esistenza terrena.



Tocchiamo così con mano che noi non viviamo di solo pane. Anzi, solo di pane l’uomo muore, ma viviamo di ciò che Dio ci dona, la Sua Parola, il Suo Corpo e il Suo Sangue.



Adoriamo e riceviamo l’Eucaristia in cui Lui si moltiplica in quel pane spezzato per noi per essere a disposizione di tutti. Nell’Eucaristia, Dio si fa piccolo, si fa cibo per essere in piena comunione con noi.



Come possiamo ricambiare questo dono, questo amore? Ricevendolo e adorandolo con altrettanto amore, ricordando che “senza una genuina pietà eucaristica, non di dà una vera testimonianza di vita cristiana”.



Dio si pone nelle mani di tutti per ricordare a ciascuno che, se con una mano riceviamo, con ambedue dobbiamo donare”. La processione è stata partecipata con la preghiera, il canto e le riflessioni, lungo le strade della città con le artistiche infiorate.







Share

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.