Discarica Bussi, i vescovi dell’Abruzzo e del Molise nel 2008, “quanti e quali danni si potevano evitare?”.  Il vescovo di Sulmona, “il male fatto venga riparato”.

Discarica Bussi, i vescovi dell’Abruzzo e del Molise nel 2008, “quanti e quali danni si potevano evitare?”. Il vescovo di Sulmona, “il male fatto venga riparato”.

“Non bisogna certamente cedere a una logica giustizialista, ma è doveroso ribadire, per amore della giustizia, che venga riparato al più presto il danno ambientale fatto nel...

  • Sabato, 18 Febbraio 2017 08:51

Sognate anche voi questa chiesa

Sognate anche voi questa Chiesa è il tema del convegno ecclesiale delle Chiese di Abruzzo e Molise su cui oltre trecento delegati hanno riflettuto e lavorato nei gruppi di lavoro. Una nutrita...

  • Domenica, 12 Febbraio 2017 10:22

Celebrata a Sulmona la XXV Giornata mondiale del malato

La chiesa di S. Francesco di Paola, gremita di fedeli, ha accolto il momento celebrativo della XXV Giornata del malato. Presenti l’UNITALSI, L’AVULSS, le famiglie che hanno accompagnato le persone...

  • Giovedì, 09 Febbraio 2017 21:11

La Chiesa diocesana verso la Missione nelle parrocchie

Se ne è parlato ieri pomeriggio nella riunione del Consiglio pastorale, convocata nella sala del Centro Pastorale Diocesano. Nell'incontro con i componenti del Consiglio Pastorale il Vescovo...

  • Mercoledì, 08 Febbraio 2017 00:10

I santi nascono sulle ginocchia dei genitori

I santi nascono sulle ginocchia dei genitori. In questa frase si sintetizza la storia di santità di Teresa di Gesù Bambino. La carmelitana di Lisieux, patrona delle missioni, iniziò il suo cammino di...

Altri articoli
  • Mercoledì, 01 Febbraio 2017 00:06

Celebrata la festa di S. Giovanni Bosco a Scanno

  • Domenica, 29 Gennaio 2017 19:12

"San Giovanni Bosco scintilla che accende la fiamma del bene e dell'amore"

  • Sabato, 28 Gennaio 2017 09:10

Un poster per la pace, “Voi siete il presente e il futuro...."

  • Martedì, 24 Gennaio 2017 10:42

TERREMOTO CENTRO ITALIA: NEVE E NUOVE SCOSSE METTONO A DURA PROVA LE COMUNITÀ LOCALI Da Caritas aiuti, ascolto e accompagnamento

  • Lunedì, 23 Gennaio 2017 00:42

Preghiera ecumenica nella chiesa di Cristo Re





 

 

La solennità dell’Assunta cuore della devozione mariana

La festa dell’Assunzione della Beata Vergine Maria è molto sentita nel popolo cristiano. Il Vescovo ha presieduto la celebrazione eucaristica, al mattino nella chiesa di Casale di Cocullo e nel pomeriggio a Pescocostanzo, partecipando alle rispettive processioni. Riportiamo di seguito la riflessione del Vescovo: “Gesù con la sua morte e la sua risurrezione ha aperto il futuro dell’uomo.

Questo mondo, redento, è in cammino verso cieli nuovi e terra nuova. L’umanità è in cammino verso un mondo nuovo che si renderà visibile con il ritorno del Signore Gesù. La Chiesa nel tempo di attesa prega e dice: Maranathà – Vieni, Signore Gesù”. Il mondo non resterà come noi oggi lo vediamo. Gesù ritornerà. La Chiesa, fragile barca, sballottata dalle onde agitate della storia, è tutta protesa verso il “ritorno” di Gesù ed è rasserenata mentre attende.La storia avrà una conclusione nella quale Dio dirà l’ultima e definitiva parola, attraverso la quale ognuno sarà pesato sulla bilancia dell’amore. Questo tempo tra l’oggi e il ritorno del Signore non scorre sereno. Gesù lo aveva detto: ci saranno guerre, pestilenze, carestie, terremoti, segni clamorosi nel mondo. Sempre più evidente avanzerà la malattia del mondo che è il peccato. Nella battaglia continua che il maligno sferra contro l’umanità , contro la Chiesa, veniamo rassicurati dal fatto che: “Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul capo, una corona di dodici stelle” (Apocalisse 12,9). La Madonna, splendente di luce, aiuta tutti noi a credere che Gesù ritorna. Il maligno sarà vinto per sempre, sconfitta sarà la morte, tutte le lacrime verranno asciugate. Maria, Madre e Regina è un segno di sicura speranza. Ci invita a non temere ma a rallegrarci, a fare festa perché la misericordia di Dio si estende a tutte le generazioni. La lotta contro il drago, la sua definitiva sconfitta è segno sicuro che ci è ridato il Paradiso. Nel tempo che viviamo, il “già” e in “non ancora”, la Vergine Madre vigila, sostiene, incoraggia, aiuta, intercede perché tutti i suoi figli abbiano la salvezza. Mentre pregano dicendo: “Maranathà – Vieni, Signore Gesù”, Lei è la porta del cielo che ci apre alla gioia e all’incontro con l’Infinito, l’Eterno, con Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo. Maria, liberaci dagli assalti del maligno. Tu sei la Madre dell’attesa, rendici vigilanti con l’olio delle nostre povere lampade. Insegnaci ad attendere il ritorno del Signore Gesù nella gloria con fedeltà e perseveranza. Liberaci dagli assalti del maligno nel cammino verso il Regno. Liberaci da ogni pericolo o Vergine gloriosa e benedetta. Soccorri il tuo popolo che anela a risorgere. La Chiesa con te invoca: Vieni, Signore Gesù!, con te supplica: Vieni, Signore Gesù. Amen”.

Share

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.