Notizie 

In comunione con Pietro per vivere il Vangelo: Giornata dell’Obolo di San Pietro

«Dio ama chi dona con gioia» (2Cor 9,7). È questo il motto che accompagna la giornata della carità del Papa 2020. Come già annunciato dalla sala stampa vaticana lo scorso 29 aprile, la giornata di colletta e di sensibilizzazione verso le opere di carità pontificie, tradizionalmente posta la domenica più vicina al 29 giugno, solennità dei Santi Pietro e Paolo, è stata trasferita, in via del tutto eccezionale, alla XXVII domenica del Tempo Ordinario.

Tale evento cade in un giorno, il 4 ottobre, in cui ricordiamo un gigante della spiritualità cristiana: San Francesco d’Assisi. Egli, con il suo esempio di vita evangelica e povera, ci aiuta a capire come vivere la carità verso tutti e soprattutto a cogliere, nella figura del Romano Pontefice, quel «pastore che guida il gregge verso i pascoli ubertosi» (Sal 22) della Parola e dei Sacramenti.

Tanti sono i progetti di carità che, grazie alla generosità di molti, sono stati avviati nel corso del tempo. Sul sito www.obolodisanpietro.va è possibile conoscerli e saperne di più. Tale segno di carità vuole essere un aiuto concreto verso le Chiese più povere e con difficoltà economiche, sociali e politiche. È un segno concreto della perequazione dei beni tanto invocata dal magistero sociale della Chiesa, il quale, non si stanca mai di mettersi dalla parte dei più deboli e indifesi. Vivere la carità non significa soltanto donare qualcosa del nostro ma consacrare la nostra stessa vita per il bene dell’altro come ci ricorda il papa Francesco: «che bello se ognuno di noi, alla sera, potesse dire: oggi ho compiuto un gesto d’amore verso gli altri». Con questa giornata, allora, siamo chiamati con forza ed entusiasmo a donare qualcosa di noi per essere costruttori della «città di Dio».

Per le proprie offerte potete rivolgervi in parrocchia.

redazione

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0