Notizie 

Comunicato circa la celebrazione alla vita ecclesiale in questo tempo di pandemia

Con ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n.102 del 16 novembre 2020, si rendono note le ulteriori misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Il territorio abruzzese, e perciò la nostra diocesi di Sulmona- Valva, passa così da una zona arancione, che significa un moderato rischio di contagio, a quella rossa, la più alta e perciò la più grave. Tale azione governativa si è resa necessaria per far fronte alla delicata situazione che si registra nei nosocomi regionali soprattutto in questi ultimi giorni.

Per ciò che concerne la vita ecclesiale, non si avranno dei sostanziali cambiamenti. Le celebrazioni, continueranno a svolgersi nel rispetto del protocollo stipulato tra Governo e Conferenza Episcopale Italiana in data 2 maggio 2020; ai fedeli tuttavia è richiesta la compilazione dell’apposita auto dichiarazione che comprova il motivo dello spostamento. Situazione analoga per quanto riguarda anche il voler recarsi in una chiesa o in oratorio sacro per un momento di preghiera personale.

Le attività pastorali, quali il catechismo, visite agli ammalati, incontri sono esclusi al fine di evitare assembramenti e spostamenti non necessari. Nella situazione specifica del catechismo e di ogni incontro si raccomanda, ove possibile, l’utilizzo della strumentazione digitale.

Ancora una volta siamo chiamati a vivere questo momento con grande senso di responsabilità civile garantendo la nostra incolumità e quella di chi c’è accanto. Vivere la nostra fede cristiana passa certamente dal vivere e rispettare queste regole, che seppur ci costino fatica, sono in realtà strumento prezioso per la nostra vita.

Non facciamo mancare la nostra preghiera e la nostra vicinanza verso tutti quelli che sono stati colpiti da questo terribile virus e che ora, negli ospedali e nelle case di cura, lontano per avere salva la vita; non dimentichiamo, infine, il tanto personale medico e paramedico che in nome della sacralità della vita sta combattendo questa battaglia in prima linea. Infine il senso comunitario ci porta a prenderci cura, per quanto possibile, di coloro che vivono maggiori difficoltà a causa della solitudine, della malattia e dell’indigenza economica.

Ufficio Stampa della diocesi

 

Documenti scaricabili:

Ordinanza n. 102 (1)

autocertificazione_5_novembre_sacerdoti

autocertificazione_5_novembre_segretari_sacristi_organisti_servizio_liturgico

autocertificazione_5_novembre_fedeli

 

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0